“Il nostro compito è scegliere la vecchiaia”

Uomini e donne hanno la propria sofferenza, ma le donne sono più vulnerabili alle valutazioni negative della società. Ma possono cambiarlo, lo psicoanalista Claude Almos è sicuro.

“Vivere, non voler sapere nulla sul passare del tempo, vivere al di fuori dell’età è uno sport che può essere impegnato a lungo e con brillantezza, ma questo è lo sport estremo. Nessuno di noi è al sicuro dall’incidente, quando un giovane o una ragazza in auto della metropolitana o un autobus ci dà improvvisamente il suo posto. In questo momento, capiamo che coloro che ci circondano, guardandoci, non vediamo completamente ciò che noi stessi vediamo quando ci guardiamo allo specchio (o pensiamo di vedere).

Per stare bene, dobbiamo essere nel mondo non solo con la nostra strada, ma anche con la nostra strada agli occhi degli altri: mi vedo bello, mi considerano bellissimo .

La frase “Alla facciamo tua madre” non attira il pavimento femminile, le ragazze scrivono. Sotto il tabù, le frasi “non sprecare il mio tempo” o “non cosa puo sostituire il sesso se non pronto a comunicare”. La frase “Ti racconterò di me stesso solo nella corrispondenza” Troppe poche persone interesseranno.

.. va tutto bene! Questa è l’armonia di cui abbiamo bisogno, in cui la scena simile alla sopra descritta si rompe attraverso lo spazio approfondito: “Altri mi percepiscono non come me”. E poi sorge il pensiero: “Chi sono io, se il giovane mi dà un posto? Vecchio? Persona anziana?”Queste parole sono terribili, perché l’idea della morte è sempre incombente dietro l’idea della vecchiaia.

Oggi “bello” è associato alla parola “giovane”. E per quanto riguarda la bellezza, le donne invecchiate più uomini soffrono. Sembra a molti che, avendo perso la capacità di rilevare, hanno perso la femminilità. Inoltre, le donne sono vittime di evidente disuguaglianza per quanto riguarda la sessualità. Un uomo tra le braccia di una donna è molto più giovane di lui con simpatia con una sfumatura di ammirazione (“Wow, forte!”). Una donna che ha un giovane partner è considerata strana, ridicola o addirittura condannata.

Tutto ciò costringe le donne a considerare l’età come un nemico. Il pericoloso nemico, che devono vincere, eliminando il danno da loro,. Questa installazione è evidenziata dal nostro linguaggio, chiamando così tanti prodotti “anti -gag”. Una tale idea di età dà origine a una forte ansia e anche a volte forze per andare a concessioni non redditizie. La battaglia attaccata in effetti si rivela molto rapidamente disuguale e le donne devono solo agitare la mano, monitorare il loro cibo, per lasciare le lezioni in palestra. Cosa si perde, non lo restituirai ..

Quale di questo è la via d’uscita? Forse vale la pena prendere un punto di vista diverso: L’età non è un nemico, ma un compagno. Un compagno, senza il quale, come senza un vecchio marito brontolare, a volte vorremmo cavarsela, ma con il quale puoi essere d’accordo e sviluppare una soluzione generale. Non senza sforzo, poiché richiede disciplina, ma con la sicurezza che questa parte possa essere vinto.

Nessuna delle donne sarà in grado di evitare la vecchiaia, ma ognuna può rifiutarsi di sottomettersi a lei, assegnandosi l’immagine che le viene imposta e rendendola unica. Affinché questa immagine deprezzante di una donna anziana cambi, è necessario condurre una battaglia personale e un pubblico. Esperienza, bellezza, seduttività e sessualità delle donne non si sciolgono dopo cinquanta, come la neve al sole. È ora di farne tutti imparare!”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *